Avanza

Posizionamento del vino italiano in Brasile

Posizionamento del vino italiano in BrasilePosizionamento del vino italiano in Brasile

Non è facile prevedere come andrà l’economia brasiliana ma una cosa è abbastanza certa: il mercato del vino in questo paese ha ancora molto spazio.

La popolazione non conosce la cultura del “buon vino” ma c’è sempre maggior interesse e voglia di imparare.

Il consumo del vino in Brasile è associato a occasioni speciali e oggi le imprese che vendono o commercializzando questo prodotto stanno cercando di mudare l’idea ad un consumo quotidiano.

Ma competere con il mercato della birra è una missione quasi impossibile!

Il problema dello sviluppo del mercato e di una crescita veloce nelle vendite è certamente l’elevato prezzo di acquisto.

A causa infatti dell’alto livello di tasse di importazione il costo del prodotto aumenta di circa l’ 80%  arrivando ad attingere fasce prezzo molto care. Con questi livelli di prezzo è molto difficile convincere i brasiliani che il consumo può trasformarsi in una esperienza quotidiana e non solamente in una occasione particolare!

Attualmente il maggior importatore di vino è il Cile, seguito dalla Argentina, Francia, Spagna e al quinto posto troviamo l’Italia.

L’Italia, uno dei paesi con la più grande cultura del vino, si trova in difficoltà in questo mercato difficile e anno dopo anno perde posizionamento e quote di mercato senza saper giustificare le cause di questo fenomeno.

Una motivazione potrebbe essere che i vini Cileni e Argentini godono di agevolazioni fiscali quindi riescono a tenere il prezzo moderato offrendo una buona qualità di prodotto.

Il vino Italiano è un mix di raffinatezza, buon gusto, sapori eccellenti perciò in una popolazione che sta affinando i propri gusti sicuramente troverà ampio spazio per affermarsi.

La classe media alta della popolazione che è sempre ben posizionata nel consumo dei beni di lusso è alla costante ricerca di prodotti eccellenti da sperimentare. Perciò ci sono ancora ampi spazi dove poter inserire il nostro magnifico vino italiano.